Come si pronuncia Duchesne?

Un nuovo commento

Posted in Uncategorized by federico baccomo "duchesne" on 2 luglio 2015

Sto leggendo tanti commenti relativi alla vicenda di quella povera ragazzina stuprata a Roma, e la ricorsività di temi e argomenti di alcune persone che, dopo aver scoperto con una certa delusione che lo stupratore non é nero, non é rom, non é immigrato, non é islamico, non é comunista, non ha i capelli lunghi, i pantaloni strappati, nemmeno la dermatite seborroica, ma al contrario é un italiano, bianco, un militare alto e muscoloso, uno di quelli che serve la nostra bella, bellissima Patria, la tutela contro gli assalti di chi la vuole meno bella, meno bellissima, dicevo, la ricorsivitá di certi commenti rissumibili nel sempreverde “se l’é andata a cercare” mi ha suggerito ancora una volta l’opportunità di regalare a questa gente un commento preconfezionato che possano copiare e incollare per poi tornare subito a occuparsi di quest’afa incredibile che ha colpito l’Italia, quasi 38 gradi.

*

“Cioè, allora, io non voglio dire che se l’é cercata, non mi permetterei mai, ma, per la mia opinione, cioè obiettivamente, un pochino se l’é cercata, perché dai, è proprio una cosa che è ovvio che una non se lo cerca di essere stuprata, solo una pazza, ma se ci sono in giro dei pervertiti che vanno in giro la notte e tu, guarda caso la stessa notte, vai in giro, di tua spontanea volontà, allora scusatemi la franchezza, ma è come se te la cerchi veramente, perché diciamo le cose come stanno, se uno rimane a casa sua nessuno viene a stuprarti, a meno che entrano dentro casa forzando proprio le serrature con qualche strumento, e allora sono il primo a dire poveretta, ma anche lì, bisogna vedere caso per caso, perché se hai la porta di ingresso non blindata, di quelle che basta un colpo per buttarle giù, allora, anche lì, un po’ te la vai a cercare che uno ti entra in casa e ti stupra, ma non è questo il caso, questa ragazzina a casa magari aveva pure le porte blindate di marca Italserramenti di classe 3 con il nottolino antitrapano (e vorrei far notare il doppiosenso anti-trapano, ma non voglio offendere nessuno, solo una battuta per sdrammatizzare, #jesuischarlie) ma a che cosa ti serve pagare fior fior di migliaia di Euro compresa la manodopera per l’installazione se poi esci la sera e vai a metterti in pericolo da sola?, stai a casa tua, no?, come la minigonna, non è che mi permetto di dire che se ti metti la minigonna e poi ti stuprano, allora te la sei cercata, ma se ti metti la minigonna, e poi vai a fare un giro in posti pericolosi e bui, ma non di quel buio che non si vede niente, no, quel buio che lascia comunque un po’ di luce al delinquente che si accorge subito che indossi la minigonna, vabbé, ma allora di che cosa stiamo parlando?, è ovvio che vieni stuprata, e non voglio dire che fanno bene, perché nessuno fa bene a stuprare, è un gesto davvero sgradevole che io condanno senza se e senza ma, però in quel caso te lo devi aspettare, per cui, se una vuole stare tranquilla, secondo me, chiama la Italserramenti e poi se ne sta a casa sua, magari con una gonna fino al ginocchio, ne vendono di belle al Coin. Anche perché noi paghiamo le tasse.”

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: