Come si pronuncia Duchesne?

289

Posted in Uncategorized by federico baccomo "duchesne" on 26 gennaio 2010

Ah, non si creda, sono il primo a essere disgustato dal trattamento di questo blog, abbandonato a se stesso, senza cura, senza passione, due mesi in balia di una canzone dei Pooh.

Insomma, almeno cambio canzone.

Poi, più avanti comincio ad aggiornare un po’, ci son cose che stanno prendendo forma.

Annunci

25 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Erremoscia said, on 4 febbraio 2010 at 5:13 pm

    era ora!

  2. maricler said, on 4 febbraio 2010 at 5:22 pm

    commenti? si possono inserire dei commenti? uao, oltre alla canzone c’è anche questa bella novità. Ciao federico, spero che tu stia bene, in libreria SI continua ad andare bene ma stiamo tutti aspettando il seguito. Baci!

  3. Anonimo said, on 5 febbraio 2010 at 9:59 pm

    secondo me si è dimenticato di inserire il blocco dei commenti…

  4. ela said, on 5 febbraio 2010 at 10:10 pm

    Aaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhh….adesso si!
    con questo cambiamento drastico ora è davvero un blog completo!

  5. pier said, on 10 febbraio 2010 at 2:27 pm

    su dai fede, mi sembri un po’ smonato da quando hai chiuso il blog di studio illegale! che succede? dai dai daiii

  6. fbaccomo said, on 10 febbraio 2010 at 4:15 pm

    no, pier, tutto bene. solo, si lavora sul nuovo romanzo… e che romanzo, sono costretto ad aggiungere.

    (intanto cambio canzone)

  7. Un Praticante said, on 16 febbraio 2010 at 7:20 pm

    ehi….duke…..o campi, o federico..

    il seguito di studio illegale a che punto é?

    Così tanto per sapere….

  8. Un Praticante said, on 16 febbraio 2010 at 7:23 pm

    già che ci sono….

    un cliente che difendo per furto (ingente) ai danni del proprio datore di lavoro mi chiede di informarmi presso quest’ultimo del motivo per il quale non gli hanno versato l’ultimo stipendo….dice che è strano, non capisce, se posso fare qualcosa, io che sono il suo avvocato.

    Cosa posso consigliare al mio “cliente” ?

    si accettano solo consigli non in urto con le vigenti norme penali….

  9. fbaccomo said, on 17 febbraio 2010 at 4:52 am

    diciamo che procede (ma secondo me siamo a buon punto… non sarà il seguito di studio illegale comunque, non nella sostanza).

    quanto al cliente, mi pare che non abbia bisogno di consigli, ha dimostrato di sapere come procedere (più che altro eviterei di rubare roba di cancelleria, io son tre anni che ho lasciato freshfields, e ho ancora tante di quelle matite e di quei post-it da far fuori che non so più dove metterli)

  10. Un Praticante said, on 17 febbraio 2010 at 1:49 pm

    A processo, nel corso della mia (sicuramente) brillante arringa cercherò di convincere il giudice citanto il tuo esempio!

    ti terrò informato dell’esito del processo.

    Sono contento che il nuovo romanzo sia a buon punto!

    Saluti!

  11. lt said, on 17 febbraio 2010 at 4:30 pm

    Peccato che hai chiuso studioillegale.Mi sarebbe piaciuto raccontarti una storia di ex staff di uno studio di quelli blasonati, di quelli che stanno nella tua lista dei link “fighi” a destra. Una ex staff che dopo 6 anni e un infortunio sul lavoro viene salutata da una raccomandata senza alcuna motivazione se non “sei stata troppo a casa”.
    Uno di quegli studi dove mi si diceva “puntiamo su di te”,”Qui in fondo si sta meglio di tante grandi aziende dove sei un numero. Qui, c’è un rapporto quasi familiare, uno ad uno” “ma io la gente a casa non la voglio disturbare per lavoro, non si fa”
    Hanno ragione, d’altronde poi capivo che stavano facendo tanti di quei cambiamenti per nn avere più bisogno di me, capivo che quello che mi veniva detto per telefono non era vero…
    Ho trovato il diavolo. Non veste Prada. Ma siamo lì per tutto il resto.

  12. fbaccomo said, on 17 febbraio 2010 at 6:43 pm

    sai, it, quelli che hanno letto studio illegale senza aver fatto quel lavoro mi han detto: “hai esagerato”. quelli che invece quel lavoro l’hanno fatto (o lo fanno) mi han detto: “ci sei andato leggero”.

    ci sono andato leggero.

  13. lordlawyer said, on 18 febbraio 2010 at 9:48 am

    ci sei andato leggero, te lo assicuro. di fioretto, oserei dire.

  14. fbaccomo said, on 18 febbraio 2010 at 11:53 am

    ero agli inizi, col prossimo tiro fuori l’uzi…

  15. Anonimo said, on 18 febbraio 2010 at 8:53 pm

    l’uzi è robetta da Lara Croft:) ti suggerisco l’intramontabile AK47 che non s’inceppa mai…

  16. Un praticante said, on 19 febbraio 2010 at 5:01 pm

    si vocifera che dalle prossime sesssioni d’esame (d’avvocatura) verrà introdotta una nuova materia: clonation of paper.

    Eh li siamo a posto.

  17. Allen said, on 28 febbraio 2010 at 10:24 pm

    Ciao Federico, è vero.

    Per chi non fa o non ha fatto l’avvocato, parrebbe ci sei andato pesante, per chi come me lo fa da oltre 10 anni, sei andato proprio leggero.
    E non in uno studio di quelli “famosi”, ma in solitaria malinconia, nel piccolo buco che ho aperto, dove l’acqua è ancora più bassa e la marea ti getta dentro qualunque cosa…

    Ho divorato il tuo libro, in una notte, e ancora ce l’ho sul comodino e a volte, la sera, come un ansiolitico ne leggo qualche pagina.
    Mi dice che c’è vita la fuori………

    Ma per favore, se lo sai, dimmi come è andata a finire tra Andrea ed Emily.

    Grazie e a presto da un niente circondato da un qualcosa.

  18. fbaccomo said, on 2 marzo 2010 at 12:52 pm

    ciao allen, prima cosa: grazie delle belle parole.

    quanto ad andrea ed emily, altrochè se lo so: le cose sono andate bene, su quella panchina dell’ultimo capitolo lui ci è tornato parecchie volte… (tra l’altro mi viene in mente una giornalista che mi ha fatto giurare che si sarebbero sposati, alla fine ho dovuto pure metterlo scritto sulla dedica)

  19. il pavone said, on 6 marzo 2010 at 6:16 pm

    ma come? un mese che sono aperti i commenti e degli assidui frequentatori di studioillegale, quelli che sono anche citati nel libro, non si è fatto ancora vedere nessuno??

    caro duchesne ci manchi tanto, la mia produttività in ufficio è perfino aumentata da quando hai chiuso…. si billa di più, ma con un pò più di tristezza

  20. fbaccomo said, on 8 marzo 2010 at 4:16 am

    pavone, sai che le tue parole mi commuovono, quel blog è stato qualcosa di unico, e proprio grazie alla comunità che lo popolava… qua le cose (non) si fanno in piccolo.

  21. Allen said, on 12 marzo 2010 at 2:44 pm

    Grazie per la risposta Federico.

    Un aneddoto fresco.

    Un cliente ieri sera mi ha rimesso il mandato, adducendo che “Mi sto facendo troppi scrupoli di coscienza nel difenderlo” e dunque affiderà la propria difesa all’avv. Tizio.

    Gli ho dunque chiesto se di tali scrupoli, il collega se ne sarebbe fatti meno di quelli legittimi che mi son fatto io, conoscendo la situazione, ovvero che ha torto sotto ogni punto di vista.

    La risposta dell’ex cliente è stata che – da quanto aveva capito già al primo incontro – il mio rivale non avrebbe avuto problemi di coscenza nel difendelo, giacchè sfornito dell’articolo.

    Ciao.

  22. no_lawyers_allowed? said, on 19 marzo 2010 at 11:14 pm

    coscienza… quel cespite immateriale nemmeno deducibile ma ingombrante come un porsche panamera?..

    ..direbbe, forse, giuseppe

    ps: oggi di un anno fà era il day after

  23. Giongion said, on 4 aprile 2010 at 7:46 pm

    Carissimo, sono molto contento di vedere che il tuo fiume non s’argina. Metti uno sbarramento: quello apre un altro canale.
    L’altro giorno cercavo di esporre ad una collega illegalista la mia visione del come e del perché il libro ed il blog siano due creature affatto diverse. Sia ben chiaro: a me il libro è piaciuto molto. E non smetterò di ringraziarti per la dedica (mi ha commosso). Ma indubbiamente il blog è stata un’esperienza unica, credo, per tutti coloro che vi hanno partecipato. Ad un certo punto sembrava che vivesse di vita propria: bastava che il Duke soffiasse un po’ di vita (e che vita…) di quando in quando, ed ecco che le forme illegaliste sub specie frequentatori del blog modellavano le parole, s’innestavano, deviavano, creavano. Soprattutto, scoprivano che al mondo esistono tanti illegali con gli stessi desideri, le stesse paure, gli stessi traumi, la stessa -soprattutto- incapacità di mollare l’osso. Anche se poi si poteva scoprire, ogni duemila post, che qualcheduno in effetti l’osso l’aveva mollato, e viveva felice e contento.

    E con quest’accozzaglia di parole in libertà ho anche risposto al post in cui si lamentava l’assenza degli aficionados. Troppo occupati in mega-operazioni, immagino. Scommetterei su un bel restructuring a testa…

    A presto
    Con affetto
    Giongion

  24. fbaccomo said, on 5 aprile 2010 at 1:15 am

    oh, caro giongion, che bella sorpresa… sottoscrivo le tue parole, il libro per me ha un significato particolare, un senso molto personale, se si può dire così, e rappresenta tutto quello che potevo ed ero in grado di dire su quei temi… ma il blog è stato qualcos’altro, qualcosa di unico e irripetibile, un “progetto” che è diventato presto collettivo, che a un certo punto viveva anche, e soprattutto, a prescindere dai miei interventi, una comunità viva, che in fondo sembrava condividere molto più di una professione…

  25. il pavone said, on 18 aprile 2010 at 2:59 pm

    sì, va bene, ma non è che adesso tu mi fai la fine di salinger?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: